Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina dell'informativa sui cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookies.

così lontani così vicini Torna la rassegna musicale diretta da Carlo Maver, che ci porterà da Oriente a Occidente, per terre e per mari, perchè la musica è sempre stata un porto da cui partire o al quale arrivare...

I concerti sono ad ingresso gratuito e si svolgono in Mediateca - via Caselle 22 - che, in queste occasioni, sarà aperta dalle 15 alle 19.

 



Domenica 10 febbraio, ore 17

MARE NOSTRUM
Il duo Mare Nostrum propone un repertorio musicale che segue il filo rosso delle musiche modali appartenenti a diverse tradizioni mediterranee ed orientali. I fratelli Resta sono squisiti interpreti ricercati in tutta Europa.
Diego Resta - tanbur, oud, chitarra bolognese, tambura macedone, daf
Fabio Resta - ney, kaval e gajda macedone, ocarina, piva emiliana, darabuka

 


Domenica 24 febbraio, ore 17
NOSTOS – Una fanfara transadriatica
Il concerto è un cortocircuito geografico di sonorità che partono dai Balcani per raggiungere le atmosfere mediterranee e mediorientali in un libero abbraccio.
Irida Gjergji (viola e voce)
Flavia Massimo (violoncello e voce)

 


Domenica 10 marzo, ore 17
RACCONTI DI BANDONEON
Progetto in solo intimo e profondo, le calde note del bandoneon e gli echi dei flauti portano l’ascoltatore a vivere forti emozioni e visitare terre lontane creando atmosfere che toccano il sacro ed il profano, cuore e anima.
La ricerca della profondità e della sacralità del suono e del silenzio.
Carlo Maver – bandoneon, flauti e composizioni

 


Domenica 31 marzo, ore 17
SUONI DI RADIF - Viaggio nella musica classica persiana
Caratteristiche della musica classica persiana sono l’essere basata sui modi (Dastgah) e il dare grande importanza all'improvvisazione.
La parte principale dell'esecuzione di questa musica è in metro libero chiamato Avaz (canto) sia per il cantante che per i musicisti: è come se si recitasse una poesia con dei frammenti di componimenti ritmici strumentali e lirici.
Marina Dolati - voce
Faraz Entessari - tar
Fabio Tricomi - tombak

 

Scarica il volantino in formato Pdf